La città di Guccini. Letture geografiche

Bologna: cornice di tensioni, cultura, sperimentazioni, contestazioni, borghesia ricca e stragismo. ! Rubrics è rigorosa divulgazione, fatta da specialisti dei campi. NO fakenews e fonti incerte. Segui -> Pagina FB e Instagram E il -> Canale Youtube Proseguiamo, come promesso, il percorso che vuole porre in risalto la sensibilità geografica dei testi delle canzoni di […]Leggi di più

Venezia e Guccini, percezioni geografiche.

L’“imbroglio di Venezia”, la città nella dimensione sospesa del galleggiamento e della precarietà, tra l’onirico e la finzione. La geografia letteraria della soggettività. Dopo gli scenari bellici continuiamo ad esplorare l’approccio geografico che indaga il ruolo della percezione nella lettura delle complessità del paesaggio, specie in ambito letterario. La funzione del soggetto percettivo nell’’indagine sul […]Leggi di più

Ennio Morricone: patrimonio culturale come Colosseo e Gioconda

Il Maestro diceva: «la composizione è un’evocazione». Le comunità unite nel silenzio dell’ascolto. Da Sergio Leone a Quentin Tarantino. “Un film è quello che vediamo e ascoltiamo, ma la musica rappresenta quello che non si dice, quello che non si vede.” Ennio Morricone Non avrei mai voluto scrivere questo “in memoriam” ma il 2020 è […]Leggi di più

Sinfonia in Sol Puffo

Il grande repertorio della musica classica accompagna l’apparire di Gargamella, il saltellare dei Puffi, la loro fuga e tanti momenti della serie. Da Beethoven a Schubert, da Musorgskij a Mozart. Con il termine “leitmotiv” si descrive un motivo musicale orecchiabile, facilmente riconoscibile, che accompagna l’apparire di un personaggio o il verificarsi di una data situazione. […]Leggi di più

Memorie del teatro di corte di Palazzo Caetani

I precursori dell’Accademia dell’Arcadia e il passaggio dei giganti del primo Settecento, da Scarlatti a Handel. Quando i feudatari spostarono la cultura dal centro del regno a Piedimonte Matese. L’idea di costruire un teatro di corte a Palazzo Caetani, in Piedimonte Matese, sul finire del ‘600, si innesta nell’attività culturale promossa dai feudatari del luogo, […]Leggi di più