Venezia e Guccini, percezioni geografiche.

L’“imbroglio di Venezia”, la città nella dimensione sospesa del galleggiamento e della precarietà, tra l’onirico e la finzione. La geografia letteraria della soggettività. Dopo gli scenari bellici continuiamo ad esplorare l’approccio geografico che indaga il ruolo della percezione nella lettura delle complessità del paesaggio, specie in ambito letterario. La funzione del soggetto percettivo nell’’indagine sul […]Leggi di più

Il cimitero unico al mondo di Joal-Fadiouth

L’isola formata interamente da gusci di conchiglie che scricchiolano sotto i piedi. Unico luogo al mondo dove cattolici e musulmani sono seppelliti assieme. Croci di marmo e tombe orientate verso La Mecca. E il timore reverenziale della presenza notturna degli spiriti, i Djin. Joal-Fadiouth è un isolotto lungo poche centinaia di metri, lambito dalle maree […]Leggi di più

Viaggio percorso di conoscenza

L’afflizione come conforto: «la gente si rattrista se le si dice che altrove si sono viste cose peggiori». Diaboliche parodie nel tempo delle rovine. Giornalismo letterario di viaggio e geografia. Il viaggio può essere a pieno titolo considerato come un’esperienza geografica. Esso infatti rappresenta di certo l’azione che mette in connessione gli uomini con gli […]Leggi di più