Giuseppe Castrillo

Laureato a Napoli in Lettere Moderne (alla Federico II). Docente di letteratura e specialista in “Letterature comparate”, già Dirigente scolastico, autore di saggi e articoli, in collaborazione con il Centro Nazionale delle Ricerche sul tema del “teatro erudito” nell’Italia Meridionale tra il ‘500 e il ‘600. Ha scritto saggi critici su Sereni e Fortini, sulla metafora in Vincenzo Monti, sulla cultura del ‘600 e del’’800 e sulla fase storica post-unitaria nell’Alto Casertano. Numerose le pubblicazioni su varie riviste specialistiche. Tra i tanti contributi al mondo della cultura, la partecipazione al Festival del Diritto di Piacenza (2010 e 2011) e al Festival della Filosofia di Sant’Arpino. Sta raccogliendo i suoi studi di letteratura e i suoi interventi a vari convegni, in un volume collettaneo.

L’illuminato Principe Niccolò Gaetani

Gli studi scientifici e filosofici, da Cartesio a Galileo. Le accuse alla corruzione della nobiltà. Il giovane Raimondo di Sangro era spesso ospite della sua dimora e, afferma Benedetto Croce, che lo stesso Gianbattista Vico fece da “ghostwriter” al Gaetani. Fermenti preilluministici a Piedimonte Matese. Niccolò Gaetani è un personaggio, forse, non adeguatamente valutato e […]Leggi di più

Memorie del teatro di corte di Palazzo Caetani

I precursori dell’Accademia dell’Arcadia e il passaggio dei giganti del primo Settecento, da Scarlatti a Handel. Quando i feudatari spostarono la cultura dal centro del regno a Piedimonte Matese. L’idea di costruire un teatro di corte a Palazzo Caetani, in Piedimonte Matese, sul finire del ‘600, si innesta nell’attività culturale promossa dai feudatari del luogo, […]Leggi di più